Pensioni news

Chi ha 15 anni di contributi ha diritto alla pensione?

Accedere alla pensione con 15 anni di contributi è possibile e ci sono diverse opzioni a riguardo. Non tutti, infatti, riescono a maturare un congruo numero di contributi poiché trovare un lavoro continuativo e ben remunerato in Italia non è semplice. Generalmente, come sappiamo, è possibile raggiungere i requisiti per la pensione di vecchiaia con 20 anni di contributi – 1040 settimane – unitamente ai 67 anni di età. Ci sono casi, però, nei quali è possibile raggiungerla anche con 15 anni di contributi, vediamo quali sono.

Cosa sono le Deroghe Amato per la pensione

Chi ha 15 anni di contributi ha diritto alla pensione? La risposta è affermativa, è possibile farlo grazie alle tre Deroghe Amato – la quarta deroga non è più utilizzabile. Qui di seguito vi spieghiamo nel dettaglio in cosa consistono:

  • La prima deroga Amato: il lavoratore deve aver maturato 15 anni di contributi, pari a 780 settimane di lavoro, accreditate prima del 31 dicembre 1992. A questo proposito rientrano tutte le tipologie di contribuzione: obbligatori, volontari, figurativi, da riscatto e via dicendo. Inoltre, il lavoratore dovrà essere iscritto al Fondo Lavoratori Dipendenti o alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi dell’INPS. Rientrano anche gli iscritti Ex Inpdap, ex Enpals ed ex Ipost.
  • La seconda deroga Amato: in questo caso si è autorizzati al versamento dei contributi volontari prima del 31 dicembre 1992. Possono averne accesso i lavoratori che: siano dipendenti o autonomi iscritti all’Ago Inps (assicurazione generale obbligatoria) o ex iscritti Enpals.
  • La terza deroga Amato: prevede l’obbligo di perfezionare un insieme di requisiti e vale solo per lavoratori dipendenti iscritti all’Ago oppure a un fondo sostitutivo o esonerativo. Al pensionando si richiede: 25 anni di anzianità assicurativa, 15 anni di contribuzione, almeno 10 anni di lavoro per periodi inferiori a 52 settimane

Precisazioni sulle deroghe Amato

Facciamo alcune precisazioni utili ad avere un quadro più chiaro delle tre possibilità di uscita con 15 anni di contributi. Le prime due deroghe Amato hanno valore e ne possono usufruire sia i lavoratori dipendenti che autonomi. La terza deroga Amato, invece, è dedicata solo ai lavoratori dipendenti.

->LEGGI ANCHE

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Un pensiero su “Chi ha 15 anni di contributi ha diritto alla pensione?

  • Se un lavoratore ha esattamente 15 anni di contributi (780 settimane) , di cui 10 anni non sono stati lavorati interamente, nel senso che sono stati accreditati solamente 51 settimane contributive o meno in un anno, con il primo contributo versato 25 anni prima della data di maturazione dei requisiti per la pensione, cioè 46 anni, con età di 69 anni, ha diritto alla pensione con 15 anni di contributi? Si chiede se Vengono considerati gli anni lavorati per periodi inferiore a 52 settimane nei seguenti casi: Anno 2001 n.15 settimane (assunzione 1.9.2001, con rapporto continuato nel 2002 (52 sett.), 2003 (52 sett.) e 2004 (42 sett.). Anno 2004 n.42 sett. + 5 sett. di disoccupazione. Anno 2005 n. 35 sett., solo disoccupazione. Anno 2006 n.2 sett. (assunzione 19.19.2006, con rapporto continuato nel 2007 (52 sett9, 2008 (52 s), 2009 (52 s) 2010 (52 s) e licenziato 15.11.2011. Anno 2011 n.47 sett + 2 sett di disoccupazione. Anno 2015 n.31 sett + 21 di Naspi. Anno 2016 n.15 sett, solo Naspi. Anno 2017 n.17 sett. Anno 2019 n.8 sett + 5 di naspi. Anno 2020 n.15 sett + 8 di Naspi + 7 Cig deroga. Anno 2021 n.18 sett + 22 Cig deroga. Anno 2022 n.13 sett + 13 Naspi. Anno 2023 n.26 sett, fino a giugno 2023. Grazie Distinti saluti

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!