Il Coronavirus potrebbe cambiare per sempre il mondo del lavoro

Da quando è cominciata la pandemia di Coronavirus, la domanda che gli esperti si pongono sul mondo del lavoro è sempre la stessa: cambierà? E se si, come? I risvolti futuri di una situazione come quella che stiamo vivendo non sono del tutto oscuri. Al netto degli scenari orwelliani e post-apocalittici da cinematografia mainstream, quello che ci aspetta sarà, molto probabilmente, una nuova crisi economica. Molte attività hanno chiuso, altre sono sul punto di doverlo fare e la disoccupazione torna a crescere. Questo virus sta interferendo sulla nostra vita sociale e con ogni probabilità non si tornerà indietro. Forse, però, qualcosa di positivo potrebbe esserci, per tutti noi.

Il mondo del lavoro cambierà

Le aziende europee, come molte di quelle italiane, si stanno confrontando sul significato del telelavoro e sulla buona utilità dello smart working. Fino a pochi mesi fa era appannaggio delle sole aziende più avanguardiste, votate al digitale e alla digitalizzazione totale del lavoro dipendente. Ora, però, anche la pubblica amministrazione sta facendo i conti con questo sistema. In Italia il telelavoro stava già prendendo piede nel pubblico, ma sempre con una velocità tipicamente italiana. Il nostro paese è sempre stato il fanalino di coda, con un 8 per cento di lavoratori in telelavoro. Nulla a che vedere con i paesi nordici, come la Danimarca, che si trova in testa con un 38 per cento. Ora che siamo tutti costretti dal Coronavirus, possiamo vedere i risvolti su larga scala e vi è la possibilità che non tornino nel dimenticatoio una volta passata la tempesta.

La ricerca dell’agenzia Eurofond

L’agenzia europea Eurofond per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, ha svolto una ricerca sul tema. In una nota ha scritto: “L’emergenza coronavirus presenta sfide sanitarie, sociali ed economiche senza precedenti per l’Europa e ha profonde implicazioni per il modo in cui le persone vivono e lavorano in tutto il mondo. Uno dei cambiamenti che sta già avendo è la percentuale di persone che lavorano da casa, mentre i governi mettono in atto misure di allontanamento sociale e isolamento“. L’impatto del Coronavirus sul mondo del lavoro è ancora in atto ma, come sottolinea l’agenzia “è probabile che i tassi di telelavoro in Europa e, di conseguenza, le relazioni tra datore di lavoro e dipendenti, saranno modificati in modo permanente“.

->LEGGI ANCHE Quanti perderanno il lavoro a causa del Covid-19?

->LEGGI ANCHE Il contagio sul lavoro è infortunio? Facciamo chiarezza

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!