Pensioni news

Quota 41 per tutti potrebbe non realizzarsi a causa del Coronavirus

La riforma delle pensioni in questo ultimo mese si è giustamente arenata per fare spazio all’emergenza Coronavirus. In questo contesto, però, le domande sulla realizzazione di alcune delle misure previdenziali tanto attese si moltiplicano. Tra queste c’è sicuramente la Quota 41 a tutti, indipendentemente dall’età. In molti si chiedono che fine farà: ecco qual è la situazione ad oggi e come potrebbe evolvere.

L’emergenza e le riforme

La pandemia in atto ha messo un freno all’economia italiana. Si stima che ogni mese di blocco costi alla nazione il 2 per cento del Pil. Questi dati hanno ripercussioni su ogni cosa, incluso il sistema pensionistico. Era di qualche giorno fa la notizia secondo cui il Presidente Inps, Pasquale Tridico, durante la tramissione DiMartedì in onda su La7, aveva affermato che per lo Stato era possibile pagare le pensioni fino a Maggio. L’affermazione è stata poi rettificata, ma ciò non cambia che le domande e i dubbi sono moltissimi, soprattutto per quelle misure che da tempo gli aspiranti pensionati attendono: la Quota 41 per tutti. Proprio il 25 marzo si sarebbe dovuta tenere a Roma la manifestazione dei lavoratori che vorrebbero estendere la misura che per ora vale sono per alcune categorie.

->LEGGI ANCHE Come calcolare quando andare in pensione

->LEGGI ANCHE Come versare i contributi volontari e quanto costano

Quota 41 per tutti sarà sempre più lontana?

La proposta di estendere la Quota 41 è ancora in attesa di valutazione da parte del Ministero del Lavoro, i sindacati l’hanno già presentata ma per il momento è ancora tutto congelato. Gli incontri programmati, infatti, non hanno avuto luogo – quello del 13 marzo in particolare. Alla luce della situazione in atto, dunque, è molto difficile prevedere cosa succedera alla riforma delle pensioni e in particolare alla Quota 41. In primo luogo è necessario valutare la spesa pensionistica e l’impatto che questa avrà. Basti pensare che la misura farebbe salire di 12 miliardi la spesa pensionistica, una cifra che rende già di per sé irrealizzabile la modifica. Ora, con l’emergenza Coronavirus, le aspettative si allungano e perdono ulteriori certezze.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!