Decreto ‘Cura Italia’: 100 euro in più per chi ha lavorato a marzo

Si stima che siano almeno 3 milioni gli italiani in quarantena a casa da lavoro. Gli operatori sanitari, gli infermieri, i medici stanno facendo un lavoro immane nel tentativo di sconfiggere l’epidemia di Coronavirus. L’Italia è uno dei paesi più colpiti con la regione Lombardia in testa. Nonostante questo si corre ai ripari: la Polizia cerca di far rispettare gli ultimi decreti e le misure di contenimento varate dal Governo e il personale sanitario combatte una guerra che è già costata almeno 2mila contagi fra i lavoratori del settore.

->LEGGI ANCHE La proposta del reddito di quarantena

Anche corrieri, magazzinieri, cassieri rischiano molto

Putroppo non ci sono solo gli infermieri, gli OSS e i medici a rischiare il contagio da Coronavirus. La disponibilità di beni di prima necessità deve essere garantita, così come la possibilità di acquistare online. Per questi motivi anche i corrieri, i cassieri, i magazzinieri sono categorie esposte che lottano per garantire la sussistenza a chi si trova in quarantena. In questo caso, il Decreto ‘Cura Italia’ prevede 100 euro in più nella busta paga di marzo a tutti quei lavoratori che hanno continuato a fare il loro mestiere anche in questo mese. Ma il rischio vale davvero 100 euro in più? Ovviamente no. Il Governo ha stanziato 25 miliardi, per ora, e si procede giorno per giorno. L’economia italiana sta rallentando, ma non può fermarsi del tutto. Il default è dietro l’angolo. Per questi motivi la situazione è ben più complicata di come appare.

->LEGGI ANCHE Assenza da lavoro per Coronavirus: come funziona

A chi spetta il bonus da 100 euro

Per quanto riguarda il bonus da 100 euro nel dettaglio, è previsto per tutti queli lavoratori dipendenti con un reddito complessivo dell’anno precedente pari o inferiore a 40mila euro e che abbiano lavorato anche solo pochi giorni in sede nel mese di marzo. Tale riconoscimento si considera esentasse. Cosa significa? Significa che non rientrerà nella formazione del reddito. È previsto un altro bonus, invece, per i lavoratori autonomi: 600 euro per chi ha una partita IVA attivata a partire dal 23 febbraio 2020. Cliccando qui potrete leggere il testo del Decreto.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

3 pensieri riguardo “Decreto ‘Cura Italia’: 100 euro in più per chi ha lavorato a marzo

  • 18 Marzo 2020 in 1:29 pm
    Permalink

    Scusatemi ma per chi a fatto la domanda di disoccupazione che non si sa se possibile lavorare “questi domande”e dobbiamo stare in casa senza lavoro e senza soldi si può fare qualcosa ??? Grazie !

    Risposta
  • 18 Marzo 2020 in 1:52 pm
    Permalink

    Qualcuno ha pensato di tutti gli badanti stranieri che ogni giorno rischiano proprio la vita ??

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!