Pasticcere napoletano non trova dipendenti: “Si licenziano per il RdC”

Salvatore Capparelli è un pasticcere napoletano che negli anni ha ricevuto grandi consensi per i suoi babà e per le sue sfogliatelle. Gli elogi compaiono regolarmente sulla sua pagina social e si direbbe che il suo laboratorio non conosca crisi. Ora però, visti i problemi nei quali versa, ha deciso di denunciare la sua situazione a Mattino Cinque. Circa il 60 per cento dei dipendenti della sua pasticceria ‘Il Capriccio’, riporta anche Il Messaggero, ha deciso di licenziarsi e lasciare il lavoro per avere il reddito di cittadinanza.

I dipendenti si licenziano per il RdC

Questo è quanto denuncia Salvatore Capparelli. Secondo il suo racconto, più della metà dei suoi dipendenti, negli ultimi mesi, ha lasciato il posto di lavoro per rimanere a casa e ricevere il reddito di cittadinanza. La notizia è stata riportata anche dal Mattino di Napoli e sta rapidamente facendo il giro del web fra polemiche e insinuazioni. Come ha spiegato il pasticcere napoletano: “Chi ha un impiego si fa licenziare per godere di un assegno. Allo Stato non chiedo di eliminare il reddito, ma di fare in modo che funzioni“.

Costretto a chiudere la pasticceria

Se i dipendenti non ci sono, la pasticceria non può andare avanti e Salvatore è costretto a chiuderla. Da quando la notizia è stata resa pubblica, però, molti sul web si chiedono a quanto ammontasse lo stipendio medio di un dipendente della pasticceria. Ricordiamo che negli ultimi mesi sono stati molti gli imprenditori a lamentarsi di questa dinamica e che le polemiche inerenti al salario non sono mai mancate. Per ora, però, l’unica cosa certa è che un’attività ben avviata nel centro di Napoli rischia di scomparire per sempre.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Un pensiero riguardo “Pasticcere napoletano non trova dipendenti: “Si licenziano per il RdC”

  • 15 Settembre 2019 in 2:09 pm
    Permalink

    secondo me è matto chi crede che una persona sana di mente lasci un normale lavoro per cadere nell’assistenzialismo… ho scritto normale, si legge con doveri ed anche diritti. (per inciso i diritti sono principalmente Dignità della persona lavoratrice, capacità di acquisto, indi sostentamento della propria famiglia, soddisfazione di svolgere il proprio lavoro senza essere gratuitamente insultata o molestata o umiliata!) Il problema è che i commercianti sono stretti da una morsa che si chiama stato, non messi al muro dai lavoratori che chiedono di non tornare ai tempi degli schiavi… Questo lo abbiamo compreso?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!