Mercatone Uno fallito: 1800 dipendenti senza lavoro

Mercatone Uno fallito: il Tribunale di Milano ha dichiarato fallita la Shernon Holding Srl, marchio fondato nel 1978 a Dozza grazie a Romano Cenni. Un tempo la società era anche sponsor della squadra di ciclismo che Marco Pantani portò al successo. Dal 2015 era in amministrazione straordinaria, ma nel 2018 aveva acquisito i 55 punti vendita di Mercatone Uno. Un’amara sorpresa per i 1800 dipendenti che, senza saperne nulla, si sono ritrovati a casa da un giorno all’altro.

->LEGGI ANCHE Discriminata ai colloqui del lavoro: “Dicono che sembro un uomo”

Mercatone Uno fallito: il Tribunale certifica il fallimento della società

La società Shernon Holding Srl aveva chiesto al Tribunale di passare in concordato preventivo, ma quest’ultimo, su richiesta dei creditori, ha dichiarato il fallimento della società. Secondo Marco Angelo Russo, il curatore, l’indebitamento ammonta a 90 milioni di euro ed è stato raggiunto in soli nove mesi. Tremano le oltre 500 aziende fornitrici di Mercatone Uno; c’è un debito di 250 milioni in ballo più i 1800 dipendenti sparsi per l’Italia che non hanno più un lavoro e non sanno quale sarà il loro futuro. L’unico punto vendita escluso dalla procedura è quello di Toscanella di Dozza, mentre nell’area metropolitana di Bologna sono 200 i dipendenti a rischio.

La rabbia dei 1800 dipendenti di Mercatone Uno

A farne le spese, come al solito, i dipendenti. Sono almeno 1800 e fino all’ultimo momento non sapevano nulla del fallimento. Si sono presentati a lavoro, come sempre, e si sono ritrovati le saracinesche abbassate. In molti hanno testimoniato sui vari quotidiani. Nessuno aveva detto loro qualcosa, nessuno si era premurato di avvisarli. Anzi, sono stati rassicurati fino all’ultimo giorno, convinti che sarebbe andato tutto avanti. Invece sono stati abbandonati, lasciati a se stessi e adesso non sanno nemmeno se considerarsi ancora assunti o automaticamente licenziati. Se l’avessero saputo prima, ha spiegato una delle dipendenti, avrebbero potuto cercare qualcos’altro, ma ora sono a casa, senza lavoro e in molti con famiglie da mantenere.

->LEGGI ANCHE Ford taglia 7000 posti di lavoro per il piano ristrutturazione

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!