Pensioni, Boeri: “Disparità e nessuno stop alla Legge Fornero”

Il Presidente dell’Inps, Tito Boeri, è tornato a parlare della riforma delle pensioni portata avanti dal Governo Conte e fortemente voluta dalla Lega e dal M5S al fine di superare la legge Fornero. Intervistato dal quotidiano La Repubblica, le sue critiche sono state rivolte nuovamente alle misure approvate dall’esecutivo e in particolare alla Quota 100 e al Reddito di Cittadinanza. Ecco le parole dell’economista alla guida dell’Inps da quando c’era il Governo Renzi.

->LEGGI ANCHE Quota 100: esempi di quanto si perde in base all’età

Pensioni, Boeri: “Si creeranno disparità”

La successione alla guida dell’Insp è ormai vicina, ma l’economista Tito Boeri, ancora ai vertici dell’Inps, non ha mancato di riservare nuove critiche alle misure approvate dal Governo Lega-M5S. Secondo Boeri, infatti, l’approvazione e introduzione della Quota 100 non farà altro che creare nuove disparità fra gli uomini nati prima del 1959 e tutti gli altri nati dopo questa data. Inoltre, la misura-ponte che dovrebbe condurre alla Quota 41 estesa a tutti, indipendentemente dall’età, non riuscirà a superare la Legge Fornero. Boeri, durante l’intervista, ha aggiunto: “Proponevamo di intervenire sulle pensioni dei sindacalisti, restaurando parità di trattamento con gli altri lavoratori, ma anche questo Governo sta andando in un’altra direzione”. Per Boeri, tagliare le pensioni alte in maniera indiscriminata, anche se garantite dai contributi versati, non significa concedere equità, ma voler fare cassa.

Pensioni, Boeri: CdA a 5 è esagerato, Inps dev’essere indipendente

Secondo il decreto, l’Inps passerà a un Consiglio di Amministrazione a 5, ma per Tito Boeri sarebbe un’esagerazione; basterebbero tre membri. Il presidente Inps ha poi sottolineato la necessità dell’Istituto di mantenere una sua indipendenza rispetto ai governi che si succedono, in quanto garante di un patto fra generazioni. Se fosse stato così negli anni ’70 e ’80, ha aggiunto, non ci sarebbe un debito pubblico così alto e le famose baby pensioni. Per il passaggo di consegne, comunque, si dice pronto, ma non sa ancora chi arriverà al suo posto.

->LEGGI ANCHE Come calcolare quando andare in pensione

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!