Pensioni: le mamme potranno andarci prima, l’emendamento al decreto

Il decreto relativo alla Quota 100 e al Reddito di Cittadinanza potrebbe subire ulteriori variazioni e a quanto pare queste potrebbero essere positive per le mamme. Fino a questo momento è possibile andare in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi se si sceglie la Quota 100, ma è possibile, per le donne lavoratrici, usufruire di altri trattamento abbastanza vantaggiosi, come l’Opzione Donna, prorogata anche per il 2019. Ora, un nuovo emendamento potrebbe anticipare l’uscita dal mercato del lavoro alle madri.

->LEGGI ANCHE Quota 100: esempi di quanto si perde in base all’età

Pensioni anticipate per le mamme? Ecco come funziona

Arrivano buone notizie in merito alla riforma delle pensioni per le mamme. La Lega, guidata dal vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini, ha presentato in commissione Lavoro al Senato, un nuovo emendamento al decreto dedicato alla Quota 100 e al Reddito di cittadinanza. All’interno della proposta di modifica, riportata anche da molti altri quotidiani online, si legge: “È riconosciuto alla lavoratrice un anticipo di età, rispetto al requisito anagrafico di accesso alla pensione di vecchiaia ed alla pensione anticipata, pari a quattro mesi per ogni figlio e nel massimo di dodici mesi“.

Quanti sono i mesi di anticipo e quali alternative ci sono?

In caso contrario, come alternativa, la lavoratrice può scegliere la determinazione della quota di pensione che viene calcolata con il metodo contributivo e applicando il moltiplicatore relativo all’età di accesso al trattamento pensionistico, che viene maggiorato di un anno fino a due figli, e due anni fino a tre figli. Si parla, poi, di numeri veri e propri per quanto riguarda il periodo di anticipo del pensionamento per le mamme. Secondo quanto contenuto nell’emendamento al decreto, le mamme potranno andare in pensione prima basandosi sul numero di figli: quattro mesi per ognuno, fino a un massimo di 12 mesi. L’emendamento è ancora in via di approvazione e bisognerà attendere gli sviluppo al Senato per sapere effettivamente se la proposta verrà confermata.

->LEGGI ANCHE Come calcolare quando andare in pensione

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!