Pensioni, Durigon: “Task Force Inps per far fronte al caos di Quota 100”

La riforma delle pensioni procede a rilento e proprio negli ultimi giorni si sono presentati nuovi problemi su Opzione Donna, Ape Sociale e Quota 100. L’ultima misura, che dovrebbe aprire la strada alla Quota 41 estesa a tutti, potrebbe creare un vero e proprio caos con un sovraffollamento delle richieste. Il decreto ad hoc non è ancora stato reso noto, bisognerà attendere ancora un decina di giorni, ma Claudio Durigon, sottosegretario al lavoro, ha parlato di una ‘task force dell’Inps’ che dovrebbe sciogliere tutti i nodi ed evitare confusione.

->LEGGI ANCHE Quota 100 in ritardo e Opzione Donna e Ape Sociale non prorogate

Pensioni: Durigon e la squadra Inps per evitare il caos Quota 100

La Quota 100, misura fortemente voluta dal Governo Lega-M5S per superare la riforma Fornero e mandare tutti in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi, potrebbe creare non pochi problemi al momento della sua entrata in vigore. Potrebbe configurarsi una prima fase confusa ma, come ha sottolineato Claudio Durigon, sottosegretario al lavoro: “L’Inps sarà pronta a dare le necessarie risposte – ha spiegato all’AGI, aggiungendo – Stiamo mettendo in piedi una task force per far fronte alle richieste“. Dunque è quasi sicuro che ci saranno problemi con l’introduzione della Quota 100, inoltre i decreti non sono ancora stati presentati e c’è chi crede che questo possa essere un ulteriore problema che a sua volta potrebbe fare slittare la misura.

Pensioni: Opzione Donna e Ape Sociale saranno retroattive

Ci sono novità anche per Opzione Donna e Ape Sociale, due misure scadute il 31 dicembre 2018 e non prorogate in tempo dal Governo Conte, nonostante le promesse degli ultimi mesi. Anche in questo caso potrebbero verificarsi dei problemi o comunque slittamenti importanti. Secondo le parole di Claudio Durigon all’AGI, il decreto prevederà l’entrata in vigore con data retroattiva dal primo gennaio dell’Ape Sociale e dell’Opzione Donna. Durigon ha chiarito anche i dubbi sull’aspettativa di vita, sottolineando che “verrà tolto l’adeguamento dell’età all’aspettativa di vita: blocchiamo l’aspettativa di vita a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne“.

->LEGGI ANCHE Come presentare domanda per il blocco di 5 mesi su aspettativa di vita

Vuoi essere il primo a candidarti?
Seguici su Facebook

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!