Come cambia la pensione di vecchiaia con la riforma pensioni e la Quota 100

La riforma delle pensioni è ormai imminente. Il Governo Conte intende introdurre la Quota 100 con un emendamento ad hoc nei primi mesi del 2019 allo scopo di farla partire entro febbraio 2019. Sarà una misura-ponte della durata di tre anni e che aprirà la strada alla Quota 41 o 42 estesa a tutti, indipendentemente dall’età. Diversa la situazione per quanto riguarda la pensione di vecchiaia, subirà alcune variazioni per effetto dell’adeguamento dell’aspettativa di vita. Vediamo cosa cambierà per questo tipo di prestazione previdenziale.

->LEGGI ANCHE Calendario pensioni 2019: erogazione degli assegni mese per mese

Cosa cambierà nella pensione di vecchiaia 2019?

Sono in molti a temere la nuova riforma delle pensioni voluta dal Governo Conte e portata avanti dalla Lega e dal M5S. I due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, hanno sempre ribadito a più riprese la volontà di continuare la medesima strada, quella che condurrebbe al superamento definitivo della legge Fornero risalente al 2011, durante il Governo Monti. Molti, nonostante le rassicurazioni del Governo in carica, temono i risvolti dell’introduzione della Quota 100 e della riforma delle pensioni che andrà a toccare diverse prestazioni previdenziali, non ultima la pensione di vecchiaia. Cominciano sottolineando, comunque, che la Quota 100 non avrà alcun effetto sulla pensione di vecchiaia.

L’adeguamento dell’aspettativa di vita per la pensione di vecchiaia 2019

A partire dal 1° gennaio 2019, chi vorrà accedere alla pensione di vecchiaia per poter uscire dal mercato del lavoro, potrà farlo senza grossi cambiamenti. L’unica modifica che interesserà questa prestazione riguarderà l’adeguamento dell’aspettativa di vita che allungherà di 5 mesi l’età pensionabile. Per chi uscirà dal mercato del lavoro nel 2020, la pensione di vecchiaia rimarrà una valida alternativa poiché non ci saranno effetti da parte della Quota 100. Per chi è nato tra l’1 e il 31 maggio 1952, i requisiti per la pensione di vecchaia sono stati raggiunti già quest’anno poiché servono 66 anni e 7 mesi di età. Per coloro che invece sono nati dal 1° giugno 1952 in avanti, per via dell’allungamento dei 5 mesi, l’età pensionabile sarà innalzata a 67 anni nel 2019.

->LEGGI ANCHE Penalizzazioni pensioni 2019: per quali tipi di pensione sono previste

Vuoi essere il primo a candidarti?
Seguici su Facebook

Vuoi essere il primo a candidarti?

Iscriviti alla nostra newsletter, sarai tra i primi a conoscere le ultime offerte di lavoro!

Seleziona lista (o più di una):

Leggi la nostra Informativa sulla privacy

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!