Come presentare le Dimissioni: modulo e guida completa

Come presentare le Dimissioni? Una cosa che molti non sanno è che dal 2016, la procedura per poter presentare la lettera di dimissioni è diventata esclusivamente telematica. Cosa significa? Significa che la vecchia lettera cartacea non è più valida e non potete più presentarvi al vostro datore di lavoro con quel foglio fra le mani. Questo cambiamento è stato deciso dal Jobs Act del Governo Renzi, ovvero con la riforma del diritto del lavoro avvenuta tramite il DL del 20 Marzo 2014 N° 34 e dalla Legge del 10 Dicembre 2014 N°186. Vediamo quindi in questa guida completa tutto l’iter di procedura e le informazioni da sapere su come presentare le Dimissioni telematiche tramite modulo online.

->LEGGI ANCHE Offerta di lavoro congrua: cos’è e rischi in caso di rifiuto

Cos’è la lettera di Dimissioni

La lettera di Dimissioni è un documento a tutti gli effetti. I dipendenti, uomini e donne, per poter rescindere il contratto di lavoro con il proprio titolare o l’azienda, devono obbligatoriamente presentare una comunicazione ufficiale: la lettera di Dimissioni.
A partire dal 17 Ottobre 2007, grazie all’approvazione della Legge N°188, è stata stabilita la presentazione per via telematica della lettera di Dimissioni. La procedura deve essere seguita attraverso il portale web ufficiale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Nel 2012 tale procedura è stata perfezionata dalla Riforma Fornero; la Legge datata 28 giugno 2012, serviva a contrastare il fenomeno delle Dimissioni in bianco, ovvero una lettera di Dimissioni in bianco e senza data, firmata dal lavoratore non appena viene assunto.

Cosa cambia con il nuovo modello lettera dimissioni

Il fenomeno delle Dimissioni in bianco, negli anni, è stata una vera e propria piaga, soprattutto per tutti quei lavoratori ‘deboli’, impossibilitati quindi a difendersi e a difendere i propri diritti per necessità. Per questo motivo la procedura ha subito un ulteriore perfezionamento a partire dal 12 Marzo 2016. A partire da tale data è stato istituito un nuovo modulo per le dimissioni volontarie  in ogni caso, a partire dal 12 giugno 2016, le dimissione possono essere inviate esclusivamente per via telematica.

Chi può compilare la lettera di dimissioni online

Al fine di poter eseguire il recesso o la revoca del rapporti di lavoro, il modulo di dimissioni telematico può essere presentato da lavoratori appartenenti al settore privato che siano titolari di un contratto di lavoro di tipo subordinato. Esistono soggetti preposti alla compilazione del modulo di dimissioni online anche se i lavoratori possono compilarlo autonomamente. La modalità di compilazione può avvenire in due modi:

  • Da soggetti preposti: patronati, sindacati, CAF, commissioni di certificazione, enti bilaterali, consulenti del lavoro o sedi territoriali competenti appartenenti all’Ispettorato Nazionale del Lavoro.
  • Dal lavoratore

Chi non deve compilare la lettera di dimissoni online

Ci sono delle tipologie di lavoratori che sono esclusi dalla compilazione della lettera di dimissioni online. Questi possono essere così riassunti:

  • Lavoratori che hanno svolto lavoro domestico
  • Lavoratori del settore pubblico
  • Lavoratori titolari di contratti di collaborazione coordinata e continuativa
  • Lavoratori che hanno risolto il rapporto di lavoro in sede stragiudiziale
  • Genitori lavoratori nelle ipotesi indicate nell’articolo 55, comma 4 del Decreto Legislativo N° 151/2001 che prevedono la convalida presso gli Uffici territoriali competenti

Nei rapporti di lavoro marittimo e in caso di recesso durante il periodo di prova, non è possibile adottare questa procedura. Inoltre, in caso di alterazioni dei moduli di dimissione da parte dei datori di lavoro, sono previste sanzioni amministrative da 5mila a 30mila euro.

Come compilare il modulo di dimissioni online

Per poter compilare in autonomia il modulo di dimissioni online, bisogna accedere ai servizi presenti sul sito dell’Inps tramite il codice PIN INPS Despositivo oppure con le credenziali SPID.
Il Pin INPS è un codice personale che serve per accedere ai servizi telematici dell’Istituto di Previdenza Sociale, mentre lo SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale – è un sistema di accesso recente per lavoratori, pubbliche amministrazioni e imprese grazie a una sola identità digitale.
L’accesso al modulo di dimissioni online può essere effettuato nei seguenti modi:

  • Richiedendo il PIN INPS Dispositivo: registrazione da effettuare sul sito internet ufficiale dell’INPS
  • Richiedendo lo SPID: rivolgersi all’Agenzia per l’Italia Digitale tramite il sito internet ufficiale AgID

Procedura autonoma per le dimissioni online

Quando si entra in possesso del PIN INPS Dispositivo o dello SPID e si decide di compilare in autonomia le dimissioni online, bisogna accedere al form telematico e compilarlo. La procedura da seguire è la seguente:

1) Accedere al portale del Ministero del Lavoro e raggiungere l’area di accesso. Sito internet www.lavoro.gov.it
2) Cliccare su Cittadino per la compilazione del modulo online
3) Effettuare l’autenticazione usando lo SPID o il PIN INPS Dispositivo accedendo all’area tramite il sito internet www.cliclavoro.gov.it
4) Cliccare su Dimissioni Volontarie e sul tasto Nuovo per la compilazione delle 4 sezioni: inserimento del codice fiscale, e-mail, nome e cognome, dati del datore di lavoro, data di inizio del rapporto di lavoro, tipo di contratto. L’ultima sezione definisce il tipo di richiesta, ovvero: dimissioni, revoca o risoluzione del rapporto del lavoro con la data di decorrenza.
5) Cliccare su Conferma per lanciare l’elaborazione dei dati
6) Stampare il modulo di dimissioni online compilato

Per ogni ulteriore dubbio o dettaglio, oppure per approfondimenti relativi alla procedura telematica, consigliamo di visitare il sito internet Cliclavoro nella sezione relativa alle FAQ. in alternativa è possibile inviare un’e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica: dimissionivolontarie@lavoro.gov.it.

Procedura di dimissioni online tramite soggetto preposto

In questo caso, invece, tutta la procedura appena elencata verrà eseguita da un soggetto preposto a tale lavoro. La persona si accerterà prima dell’identità del richiedente e procederà poi, tramite utilizzo delle proprie credenziali, alla compilazione e alla stampa del modulo di dimissioni online.

Revoca delle dimissioni

È possibile attuare la revoca delle dimissioni entro e non oltre un periodo massimo di sette giorni dalla data di invio del modulo di dimissioni online. Per poterlo fare bisogna seguire la procedura:

  • Accedere alla lista delle dimissioni volontarie
  • Accedere alla propria area riservata
  • Cliccare sul tasto Revoca

Anche nel caso in cui si scelga di procedere tramite terza persona, la revoca può essere effettuata entro e non oltre sette giorni dalla data di invio.

->LEGGI ANCHE Cosa rischio lavorando in nero: sanzioni per titolare e lavoratore

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!