Pensioni: Quota 100 per tutti e Quota 41, oggi si decide, a che punto siamo?

Oggi il Governo Conte prenderà una decisione in merito al tema pensioni. È, infatti, attesa a breve la nota di aggiornamento al Def contenente le indicazioni sulle riforme pensionistiche, i costi e le possibili coperture per avviare la Quota 100. All’interno del documento dovrebbero essere dunque contenute le indicazioni ufficiali per mandare in pensione coloro che sono prossimi all’uscita dal mercato del lavoro. Negli ultimi giorni, il vicepremier e Ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha fatto pressione al Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, affinché si trovino le coperture necessarie per l’attestazione del rapporto deficit/Pil a 2 per cento. Da qui si pensava a un possibile slittamento del Def subito smentito dallo stesso Di Maio. Vediamo il punto della situazione.

Pensioni: Quota 100 con 62 anni e 38 di contributi e Quota 41

Secondo le indiscrezioni della giornata di ieri, è molto improbabile che venga attuata una Quota 100 con 62 anni di età e 38 di contributi, per questo motivo, fra le altre possibilità in gioco, è spuntata la Quota 100 con 65 anni e 35 di contributi. A beneficiarne potrebbero essere almeno mezzo milione di persone e per limitare i costi, il Governo potrebbe attuare una penalizzazione dell’1 per cento sull’assegno pensionistico per ogni anno di anticipo. Ci sono poi allo studio anche altre ipotesi con 36 o 37 anni di contributi. In questo momento il Governo sta valutando tutte le opzione ed è stato lo stesso Luigi Di Maio ad affermare che “non tutte le possibii combinazioni sono convenienti“. Per quanto riguarda la Quota 41, se non slittasse al 2020 potrebbe diventare una Quota 42 allo scopo di ammortizzare sia i costi che l’aumento del numero di pensionati nel breve periodo.

Pensioni: attenzione a Donne e redditto di cittadinanza

Luigi Di Maio ha poi sottolineato il suo impegno in relazione alla situazione pensionistica delle donne italiane. Il Governo dovrebbe e potrebbe intervenire sulle interruzioni contributive che le donne devono affrontare per arrivare alla pensione. Per quanto riguarda la pensione di cittadinanza, invece, sarebbero in lista alcuni aumenti mirati per portarla al di sopra della soglia di povertà. Infine i Voucher: Luigi Di Maio si è detto favorevole, ma alla condizione che possano servire “a sopperire una carenza nei settori dell’agricoltura e del turismo“.

Vuoi essere il primo a candidarti?
Seguici su Facebook

Vuoi essere il primo a candidarti?

Iscriviti alla nostra newsletter, sarai tra i primi a conoscere le ultime offerte di lavoro!

Seleziona lista (o più di una):

Leggi la nostra Informativa sulla privacy

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!