Pensioni: Quota 100 a 62 anni e 38 di contributi, le stime sui costi

Oggi la Lega discuterà al tavolo di Governo le proposte inerenti il tema pensioni. In particolare, l’introduzione della Quota 100 con 62 anni di età e 38 di contributi versati. A quanto sembra la Quota 100 Light e la Quota 100 Modulabile, così come quella integrale voluta sempre dal vicepremier Matteo Salvini, sono proposte che non hanno ancora trovato riscontro. Allo stesso modo si parla di aumento delle minime a 780 euro e reddito di cittadinanza. La domanda fondamentale rimane però una: quanto costerà la manovra nel caso venga attuata veramente per superare la legge Fornero?

Pensioni: Quota 100 a 62 anni, i costi

Claudio Durigon ha confermato gli obiettivi di Matteo Salvini: la legge Fornero dovrà essere superata e per farlo sarà necessario avviare una controriforma da parte del Governo Conte. Le misure in gioco sono diverse, prima fra tutte l’introduzione della Quota 100 con 62 anni di età e 38 di contributi versati. I costi, secondo il sottosegretario al Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Durigon, sarebbero sostenibili. Come ha spiegato, infatti: “Leggo 13 miliardi, ma non è sicuramente questo il costo effettivo della Quota 100 con 62 anni di età. Considerate che da uno studio fatto dall’Inps, Quota 100 libera veniva 14 miliardi, dunque con il limite dei 62 anni non potrà essere questa la cifra. Siamo intorno ai 6-8 miliardi per il primo anno“.

Pensioni: anche le minime nel mirino dell’intesa, ma Cottarelli ha dubbi sui costi

Da parte del M5S, invece, c’è una spinta verso l’aumento delle pensioni minime a 780 euro a partire dal prossimo gennaio. I fondi potrebbero essere presi dal taglio alle pensioni d’oro sopra i 4000 euro. Secondo Cottarelli, però, andare in pensione prima sarebbe bello, ma il problema rimane comunque il finanziamento della riforma. Se si aumentano le tasse, ha spiegato Cottarelli, si tassano i giovani. Per quanto riguarda la legge Fornero, invece, non è convinto del superamento, ma afferma che sia possibile operare qualche aggiustamento, poiché è necessaria.

Vuoi essere il primo a candidarti?
Seguici su Facebook

Vuoi essere il primo a candidarti?

Iscriviti alla nostra newsletter, sarai tra i primi a conoscere le ultime offerte di lavoro!

Seleziona lista (o più di una):

Leggi la nostra Informativa sulla privacy

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!