Pensioni 2018, Beppe Grillo: “Servono riforme, risorse, a cominciare dalle pensioni”

Beppe Grillo, durante un’intervista per Repubblica, ha parlato della strada da intraprendere una volta formato il Governo. Da questo punto di vista, il comico genovese ha anche rilanciato la possibilità di un’alleanza di Governo tra la Lega di Matteo Salvini e il Movimento 5 Stelle. Il Presidente Inps Tito Boeri, invece, durante un intervento presso lavoce.info, ha evidenziato la divisione politica e sociale tra Nord e Sud, facendo anche il punto della situazione sull’ipotesi di un Governo condotto da Lega e Movimento 5 Stelle.

->SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SU PENSIONI, QUOTA 41, APE SOCIAL, PRECOCI E OPZIONE DONNA

Pensioni, Beppe Grillo: “Servono riforme, a cominciare dalle pensioni”

Il comico genove, durante l’intervista per Repubblica, ha sottolineato la necessità di applicare subito dei cambiamenti, mettendo mano, soprattutto, alla situazione pensionistica italiana, argomento sul quale spinge anche Matteo Salvini; il leader della Lega vorrebbe infatti cancellare definitivamente la Legge Fornero. Le parole di Beppe Grillo: “La politica oggi è priva di narrazione, non ha un linguaggio contemporaneo, è noiosa, inconcludente. Tra vent’anni saremo una nazione di vecchi e nessuno ci pensa: tutti a chiedersi chi fa il presidente, chi il ministro, chi il premier. Servono riforme, risorse, a cominciare dalle pensioni. Un anziano ha un costo annuo superiore allo stipendio annuale di suo figlio. Dobbiamo pensare a questo, a cosa fare non alle poltrone“.

Pensioni, Boeri: “Impossibile per Lega a M5S governare insieme”

Tito Boeri, Presidente Inps, in un suo intervento su lavoce.info, è tornato a parlare della possibile alleanza tra Lega e Movimento 5 Stelle allo scopo di Governare stabilmente il paese. Entrambi i partiti avrebbero dei punti d’incontro su quello che vorrebbero fare, ma non su cosa mettere in atto: “È perciò impossibile per loro governare stabilmente insieme ed è probabile che il loro modo di interpretare il disagio economico fortifichi una divisione Nord-Sud che renderà il Paese ingovernabile per molto tempo. Il reddito di cittadinanza dei 5 stelle ha fatto breccia tra i disoccupati, che in larga misura sono concentrati al Sud. La flat tax della Lega favorisce i lavoratori e i pensionati del Nord, dove i salari e le pensioni sono più alti in termini nominali rispetto al Sud, ma comprano meno che nel Mezzogiorno perché il costo della vita è molto più alto“.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!