Pensioni: possibile rinvio di Quota 100, Boeri lancia l’allarme

Arrivano nuovi dubbi sulla riforma delle pensioni voluta dal Governo Conte, soprattutto per ciò che concerne i fondi e i costi per attuare la Manovra. La Quota 100 potrebbe subire uno slittamento in avanti di alcuni mesi e il Tesoro è già al lavoro per trovare una via di uscita. Dal Colle ci sarebbero pressioni al fine di ritoccare l’abbassamento dell’età pensionabile a 62 anni, abbassamento di cui il Presidente Mattarella sembrerebbe molto preoccupato. Anche la Quota 100 con 62 anni di età e 38 di contributi è la soluzione più plausibile fra tutte quelle in gioco, i conti dello Stato potrebbero comunque risentirne per i prossimi anni.

Pensioni: possibile rinvio di Quota 100

La Quota 100 è la prima fase di quella Manovra voluta dal Governo gialloverde per il superamento definitivo della legge Fornero. In un secondo momento, secondo gli obiettivi definiti dal vicepremier e Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dovrebbe arrivare anche la modifica alla Quota 41, con l’estensione a tutti indipendentemente dall’età. Ma è proprio la Quota 100 a rischiare uno slittamento. I 62 anni di età non convincono tutti ed è un aspetto messo sotto controllo sia dalla Fmi che da Bruxelles.

Pensioni: Boeri lancia l’allarme

L’introduzione della Quota 100 con 62 anni di età e 38 di contributi non piace praticamente a nessuno e da più parti arrivano moniti e allarmi. Oltre a un possibile slittamento è arrivata anche la critica da parte del Presidente dell’Inps Tito Boeri, da sempre non a favore della controriforma gialloverde. Secondo Boeri “il sistema previdenziale è a rischio: Si aumenta la spesa e si riducono i contributi non bastano due giovani neo assunti per pagare la pensione di uno che esce“. Secondo le stime del Presidente Inps, l’introduzione della Quota 100 con 62 anni e 38 di contributi assieme al blocco dell’adeguamento della speranza di vita a partire dal 1° gennaio 2019 potrebbe comportare un aumento vertiginoso del debito pensionistico fino a 100 miliardi.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Iscriviti alla nostra newsletter, sarai tra i primi a conoscere le ultime news!

Seleziona lista (o più di una):

Leggi la nostra Informativa sulla privacy

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!