Pensioni: salta Quota 41 per il 2019, verso Quota 100 con paletti

La riforma delle pensioni continua a essere un tema caldo per il Governo Conte. Matteo Salvini, leader della Lega, vicepremier e Ministro dell’Interno, ai microfoni di RTL 102.5 ha ribadito gli obiettivi dell’Esecutivo per il prossimo anno; si punta da subito all’introduzione della Quota 100, mentre la modifica della Quota 41 non si farà, non nel breve periodo almeno. Non è, però, tutto così semplice: Lega e M5S devono trovare un punto di incontro sull’utilizzo dei fondi necessari all’attuazione della controriforma che dovrebbe aiutare tutti a superare la legge Fornero.

Pensioni: Quota 100 sì, ma come

Lega e M5S sono d’accordo sulla volontà di introdurre la Quota 100 per cominciare la lunga strada verso il superamento definitivo della legge Fornero. Il problema è come farlo; i fondi potrebbero non basta e la coperta, come molti sostengono, potrebbe essere troppo corta per riuscire a coprire ogni costo. Inizialmente, l’idea era quella di introdurre una Quota 100 per tutti coloro che sommando età anagrafica e contributi arrivavano a somma 100, per farlo, però, non bastano 17 miliardi di euro. Ecco che in soccorso arrivano i paletti: 62 anni di età e 38 di contributi. Salvini, come sempre, punta alla Quota 100 integrale, senza paletti, ma la proposta non sarebbe possibile. Rimane invece, anche secondo il Def, la possibilità dei due paletti appena citati e l’assegna delle penalizzazioni. Di contro, si sta pensando al divieto di cumulo per favorire l’occupazione giovanile e il ricambio generazionale.

Pensioni: perché Quota 41 non si farà nel 2019

Un altro dilemma riguarda la tanto attesa modifica della Quota 41, la quale doveva essere estesa a tutti i lavoratori, senza distinzioni di categoria: 41 anni di contributi versati e uscita dal mercato del lavoro. Se si vuole introdurre anche la Quota 100 e mantenere tutte le altre promesse, però, non è possibile farlo, almeno non nel breve periodo. Come ha sottolineato Salvini a RTL 102.5: “Non ci sarà ‘quota 41’ già da quest’anno, non abbiamo la bacchetta magica: i tempi sono per l’anno prossimo, abbiamo 5 anni davanti“. Ricordiamo che la Quota 41 favorisce i lavoratori precoci, ovvero coloro i quali hanno cominciato a lavorare molto presto; una Quota 100 sarebbe deleteria per questa categoria dei lavoratori, ma per il 2019 non arriverà alcuna modifica, se ne riparlerà per il 2020.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Iscriviti alla nostra newsletter, sarai tra i primi a conoscere le ultime news!

Seleziona lista (o più di una):

Leggi la nostra Informativa sulla privacy

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

2 pensieri riguardo “Pensioni: salta Quota 41 per il 2019, verso Quota 100 con paletti

  • ottobre 8, 2018 in 9:53 am
    Permalink

    Bella MERDA!!!
    BUGIARDO peggio di renzi….
    Prima del voto non si parlava si q100
    Solo 41…
    Bella MERDA!!!!

    Risposta
  • ottobre 9, 2018 in 6:11 am
    Permalink

    che dire….ogni commento è superfluo…bugiardo come Renzi!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!