Risponde ad annuncio di lavoro su Facebook: donna picchiata e abusata al colloquio

Una giovane donna di 24 anni, di orogine moldava, ha risposto a un annuncio di lavoro su Facebook, una volta arrivata sul presunto posto di lavoro per il colloquio è iniziato l’incubo: picchiata e abusata. A compiere l’atto è stato un uomo di 39 anni di origine rumena, subito arrestato dai carabinieri della tenenza di Rozzano. A riportare la notizia è il quotidiano online Milano Today.

Un lavoro da badante, il viaggio, l’incontro

La vicenza risale a fine agosto. La ragazza, che vive in provincia di Salerno e ha dovuto affrontare un viaggio di 800 chilometri fino a Pero, dopo aver lasciato il suo numero di telefono in gruppo Facebook dove si pubblicano offerte di lavoro per badanti, era stata contattata da un uomo che l’aveva convinta a recarsi a Milano per un colloquio di lavoro come badante. Una volta giunta in Stazione Centrale, si era incontrata con l’uomo in un bar di Rozzano, raggiunto con un taxi. Il 39enne, di origine rumena, l’aveva accompagnata al suo appartamento, poco distante dal luogo, per posare le valigie. Come compenso per la mediazione si era fatto dare anche 150 euro e con parte dei soldi aveva comprato dell’alcool per poi fare ritorno all’appartamento Aler intestato alla madre, in Romania ormai da tre anni.

L’appartamento e la violenza

Come ha spiegato uno dei carabinieri, l’interno dell’appartamento sembrava il covo di un accumulatore seriale ed emanava un odore nauseabondo. La giovane donna aveva capito che qualcosa non andava e aveva chiamato sua madre a telefono, forse per avere aiuto. È stato proprio in quel momento che è cominciata la violenza: il 39enne le ha strappato il cellulare dalle mani e con una calma inquietante e priva di emozioni aveva spiegato alla signora la situazione, sottolineando che non c’era nulla di cui preoccuparsi perché ‘quello era il suo lavoro’. Da quel momento, dopo aver chiuso la telefonata, sono cominciati gli abusi. L’uomo ha prima colpito la 24enne con alcuni pugni al volto, fino a romperle il setto nasale, poi ha dato sfogo alla sua violenza. Terminato l’orrore, l’uomo avrebbe detto:”L’ho fatto perché mi piace quello che faccio“ intimandole di tornarsene a casa.

Un ricercato internazionale, l’arresto

Dopo la violenza era come se il 39enne non fosse mai esistito, un fantasma di cui si sapeva poco, soprattutto non si sapeva da quanto tempo fosse in Italia e se c’erano state altre vittime. Il nome non risultava da nessuna parte e non aveva precedenti nel nostro paese. I carabinieri sono riusciti ad arrivare a lui grazie a un documento datato 2011 e firmato dalla madre. Da qui la pista: gli investigatori hanno scoperto che su di lui pendevano due mandati di cattura internazionali per atti compiuti in Romania nel 2011 e aveva 5 anni di carcere da scontare. Dal mandato, gli investigatori sono risaliti a una sua fotografia tramite la quale la ragazza 24enne lo ha riconosciuto quale autore dell’aggressione. I carabinieri sono risaliti anche a un profilo falso: Roxana Alex, 1400 amici, tra cui moltissime donne dell’est Europa, e un numero di telefono che aveva agganciato diverse volte la cella telefonica di una zona di Pero. L’appartamento, di proprietà della sorella e con uno sfratto incombente, è stato raggiunto dai carabinieri, che dopo aver sfondato la porta hanno trovato il 39enne nascosto sotto il letto.

Potrebbero esserci altre vittime: attenzione ai profili falsi

Il lavoro degli investigatori, nonostante la cattura dell’aggressore, potrebbe non essere ancora terminato. Si suppone, infatti, che vi siano altre vittime. A confermare in parte la tesi è stata l’esclamazione di un uomo che, durante la ricerca delle prime prove da parte dei militari, ha affermato: “Sai quante volte l’ha fatto..”. Purtroppo non è la prima volta che accade e i falsi annunci di lavoro su Facebook non sono una novità nei gruppi dedicati alla ricerca del lavoro. La nostra redazione aveva già segnalato il caso di un profilo Facebook sospetto, poi dimostratosi falso, che tentava di adescare giovani donne per un centro massaggi sito a Milano, risultato inesistente dopo le nostre ricerche.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Iscriviti alla nostra newsletter, sarai tra i primi a conoscere le ultime news!

Seleziona lista (o più di una):

Leggi la nostra Informativa sulla privacy

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!