Come trovare lavoro in Germania: documenti e mestieri richiesti

Come trovare lavoro in Germania oggi? Quali documenti servono e, soprattutto, quali sono i siti internet di riferimento e i luoghi nei quali recarsi per trovare un impiego? La Germania è una terra piena di opportunità, ogni anno migliaia di persone si recano in questo paese alla ricerca di un lavoro o anche solo perché lo amano e voglio viverci e mettere su famiglia. D’altronde, anche in termini di tasso di disoccupazione non è un paese che se la passa così male: nel 2017 era la metà di quello italiano, vale a dire il 5,7 per cento contro l’11,1 per cento del nostro paese. Inoltre, lo stipendio medio è molto alto e anche il numero di aspiranti pensionati è notevole e più elevato rispetto ai nuovi giovani che entrano nel mercato del lavoro, per questo motivo è sempre richiesta manodopera da altri paesi, soprattutto dall’Italia. Dunque, se il vostro obiettivo è trasferirvi in Germania e trovare lavoro, leggetevi la nostra guida completa.

Trasferirsi in Germania: documenti, tessera sanitaria e previdenza

Per trasferirsi in Germania è necessario sapere alcune cose. Prima di tutto, potete rimanervi per un tempo limite pari a tre mesi con la sola carta d’identità. Superata questa soglia sarà necessaria l’iscrizione all’Anagrafe del Comune in cui avete deciso di risiedere e vi siete trasferiti. L’iter che dovrete affrontare per registrarvi sarà il seguete:

  • Recatevi negli uffici della Circoscrizione, denominati Standesamt
  • Raggiungete l’ufficio dedicato all’Anagrafe, denominato Bürgerbüro
  • Compilate l’apposito modulo per la richiesta di iscrizione

Ricordatevi di portare la carta d’identità e il contratto di affitto. Nel caso in cui, invece, siate ospiti di una famiglia o di un amico, servirà la dichiarazione scritta di quest’ultimi. Una volta ultimati questi passaggi, l’ufficio Anagrafe vi rilascerà il codice fiscale provvisorio tedesco e il certificato di residenza. Per il codice fiscale definitivo, in media, bisogna attendere almeno due settimane. Con questi due certificati potrete passare allo step successivo, ovvero richiedere la tessera sanitaria e il numero di previdenza, inoltre, potrete finalimente firmare il vostro contratto di lavoro. Nel caso in cui decidiate, in futuro, di stabilirvi definitivamente in Germania, dovrete andare all’Aire – Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero – presso uno dei consolati italiani. Per iscrivervi potete usare sia la posta che gli uffici competenti recandovi di persona. La documentazione da presentare è la seguente:

  • Dichiarazione personale tramite il modulo che trovate sul sito internet del consolato
  • Certificato di residenza
  • Fotocopia della carta d’identità

Come cercare lavoro in Germania

Una volta che avete adempiuto all’iter burocratico, se ancora non lo avete trovato, potete cominciare a cercare un impiego in Germania. Uno dei siti di riferimento molto utile allo scopo è Eures: si tratta di una rete di servizi europei per l’impiego. L’Eures favorisce la mobilità professionale e la libera circolazione nello spazio economico europeo: potrete conoscere la situazione del mercato del lavoro e le condizioni di lavoro, salario, orari e contratti. Risiedendo in Germania potete iscrivervi a un ufficio di collocamento che aiuterà nella ricerca di un impiego. Allo stesso modo potete visitare il sito internet Arbeitsagentur.de, il portale web più importante in Germania per chi è in cerca di occupazione. Ovviamente ci sono anche i giornali e altri siti internet, tra i quali:

Non solo lavoro a tempo determinato e indeterminato, sono presenti anche siti internet specializzati per chi è in cerca di un tirocinio. I principali sono i seguenti:

Quali sono le professioni più richieste in Germania

Prima di rispondere a questa domanda è necessario fare una premessa: per quanto riguarda la richiesta di candidati, le aree in cui è più alta sono quelle della Germania del Nord e dell’Est, anche se nella Bassa Sassonia, Berlino e la Rhur ci sono altrettante possibilità di impiego. Molto forte è invece la richiesta di manodopera, soprattutto per le seguenti mansioni:

  • Venditori
  • Contabili di servizi
  • Parrucchieri
  • Assistenti all’infanzia e all’economia domestica
  • Allevatori
  • Coltivatori
  • Organizzatore di eventi
  • Addetti alle pulizie
  • Assistenti sociali

Le professioni più richieste in assoluto, però, rimangono quelle del settore sanitario: in particolare medici, infermieri e operatori socio sanitari sono le figure professionali più richieste in Germania. Analogamente, ci sono ottime prospettive occupazionali per i laureati in ingegneria, matematica, scienze naturali e informatica.

Il curriculum vitae in Germania: il Lebenslauf

Dovete sapere che il Lebenslauf, ovvero il curriculum vitae tedesco, non è come quello italiano e per questo motivo non potrete semplicemente tradurre il vostro in lingua tedesca per essere al pari con gli altri candidati. Dovete quindi stilare un nuovo curriculum vitae e, possibilmente, evitare il modello europeo, non più tanto di moda in Germania e poco ben visto dai selezionatori tedeschi.
Nel Lebenslauf dovrete inserire un riassunto delle vostre esperienze professionali e dovrà comprendere le seguenti sezioni:

  • I dati personali
  • Le esperienze professionali
  • La formazione
  • Attività di volontariato (se ne avete fatte)
  • Le competenze linguistiche e informatiche
  • Passioni e hobby

Una lunghezza ottimale per un curriculum vitae tedesco è di due pagine, non di più. Dovrete far capire ai selezionatori che siete in grado di riassumere le informazioni, altrimenti perderete la possibilità di avere un colloquio di lavoro. A nessuno piace dover leggere una sequela infinita di informazioni, soprattutto ai selezionatori. Come per il curriculum vitae italiano, valgono comunque alcune regole base: riportate le esperienze inerenti alla professione per la quale vi candidate, scrivete in un tedesco compresibile, formale e senza errori (per non sbagliare cercatevi un traduttore).

La lettera di presentazione: l’Aschreiben

Oltre al curriculum vitae tedesco, sarà necessaria anche una buona lettera di presentazione. Così come in Italia, anche in Germania è un punto fondamentale, un vero e proprio biglietto da visita nel quale condensare tutte le principali informazioni, tracciando un quadro professionale di voi stessi. In questo caso non dilungatevi, siate brevi e formali, raccontate in poche righe chi siete, perché vi state candidando, quali qualifiche vi rendono il candidato ideale e quali benefici potete apportare all’azienda.

Se seguirete tutte queste indicazioni, riuscirete sicuramente a stabilirvi in Germania e a trovare il lavoro che fa per voi.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!