Come trovare lavoro a 40 anni: 7 consigli utili

Come trovare lavoro a 40 anni, anche se siamo fuori dal mercato da parecchio tempo? Non è un’impresa impossibile come molti possono pensare. Bisogna, però, fare una premessa, anzi, entrare in quest’ottica: il lavoro non si cerca, il lavoro si attrae, sostiene anche il famoso imprenditore Marco Montemagno e nell’era digitale funziona proprio così. Mandare curriculum vitae a casaccio, sperando in una risposta, non porta quasi mai a niente. È necessario cercare, certo, ma anche rendersi appettibili, farsi cercare a nostra volta. Si tratta di un incontro a metà strada. Per questo motivo abbiamo stilato una lista di 7 semplici regole da seguire assolutamente non rimanere fuori dai giochi e trovare un impiego in poco tempo.

1) Abbandona il vecchio concetto di lavoro: come dicevamo poco sopra, l’era digitale ha portato con sé molti cambiamenti, soprattutto nel mondo del lavoro, ed è necessario adattarsi per rimanere al passo con i tempi. La prima cosa da fare, quindi, è lasciarsi alle spalle le vecchie idee che avevamo di lavoro. Il contratto a tempo indeterminato è l’ultimo dei problemi e molte aziende cercano collaboratori, smart worker e freelancer.

2) Presta attenzione al mercato del lavoro: oggi anche i lavori sono cambiati, per questo motivo bisogna studiare il mercato, guardarsi attorno e capire quali sono le mansioni emergenti. Esegui una scrematura dei lavori che ti attraggono di più e concentrati sulla formazione, lo studio e l’esperienza, rimettiti in gioco partendo da zero, è l’unico modo per raggiungere obiettivi che cambiano continuamente.

3) Segui nuovi corsi e specializzati: una volta aver tastato il mercato del lavoro e aver capito quali tra le professioni emergenti più si adatta a te e, soprattutto, ti piace, cerca dei corsi appositi che ti diano un’infarinatura, che ti possano rendere non più neofita ma quasi esperto e aumenta le tue conoscenze approfondendo ogni aspetto del lavoro che ti interessa.

4) Comincia da piccole esperienze: non riesci a trovare subito un posto a tempo indeterminato? Non importa. Fai esperienza, fai stage e tirocini, ovviamente senza farti sfruttare ma trovando un connubio fra esperienza e retribuzione. Ci sono tantissime possibilità sotto questo punto vista. Una volta accumulata abbastanza esperienza, potrai tentare l’approccio con ‘i pezzi grossi’ vantando un bagaglio di esperienze di tutto rispetto anche a 40 anni.

5) Intraprendenza: in una società liquida come la nostra, fermarsi dietro ai nostri limiti e alle nostre idee potrebbe tagliarci le gambe e farci perdere il treno. Dobbiamo diventare liquidi a nostra volta, imparare a buttarci, a rischiare e a promuoverci.

6) Rinnova il curriculum vitae: non dimentichiamoci del documento più importante, ovvero del nostro biglietto da visita, il curriculum vitae. Dargli una rispolverata è uno dei passi essenziali per rimanere sul ‘pezzo’, come si suol dire, ed essere competitivi. Stesso discorso per la lettera di presentazione, impara a scriverla correttamente, mettendo in risalto non solo le qualità, ma anche l’apporto in termini di produttività che potresti dare all’azienda.

7) Attrai il lavoro: ultimo punto, ma forse il più fondamentale di tutti. Usa internet, iscriviti a LinkedIn e ad altre piattaforme per il lavoro, fatti conoscere dalle aziende, fai conoscere le tue doti, le tue esperienze e la tua creatività. Se proprio non trovi nessuno che ti assume, come dicevamo sopra, rischia, buttati, dopo aver imparato un nuovo mestiere, mettiti in proprio, apri una Partita Iva e crea la tua rete di contatti, ormai il mondo non ruota più attorno al posto fisso.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!