Pensioni 2018, Berlusconi: “Pensione minima a 1000 euro al mese entro l’estate”

Pensioni 2018: i leader politici del centrodestra tornano a parlare del tema pensioni e di quelle saranno le priorità in caso di vittoria delle elezioni del prossimo 4 marzo 2018. Silvio Berlusconi, durante la trasmissione L’Agorà, ha sottolineato l’intenzione di aumentare la pensione minima, mentre Giorgia Meloni insiste sulle pensioni di anzianità, la Quota 41 e la necessità di mettere mano alle pensioni d’oro.

->SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SU PENSIONI, QUOTA 41, APE SOCIAL, PRECOCI E OPZIONE DONNA

Pensioni 2018, Berlusconi: “Aumentare pensione minima a 1000 euro entro l’estate”

Silvio Berlusconi, ospitato nel programma L’Agorà, ha enunciato i punti principali del programma elettorale in caso di vittoria nelle elezioni del 4 marzo 2018. In particolare, Berlusconi ha sottolineato anche che molti punti del programma verranno resi operativi prima dell’inizio dell’estate o, almeno, questa sarebbe l’intenzione. C’è però un altro punto, relativo alle pensioni, che il leader politico vorrebbe porre in essere entro l’inizio dell’estate e riguarda la pensione minima, che dovrebbe essere alzata a 1000 euro al mese e la flat tax, una delle misure principali da attuare subito dopo l’inizio della legislatura.

Pensioni 2018, Giorgia Meloni: “Bisogna mettere le mani sulle pensioni d’oro”

Durante l’intervista a Radio Anch’io, la leader di Fratelli D’Italia Giorgia Meloni, ha ribadito la necessità di rivedere l’adeguamento dell’aspettativa di vita in primis e di mettere mano alle pensioni d’oro il prima possibile: “Io penso – ha affermato la Meloniche l’adeguamento dell’aspettativa di vita non possa essere un automatismo; ogni volta la politica dovrebbe metterci la faccia e fare un decreto. Penso che la pensione sociale vada anticipata a 60 anni per chi non ha un reddito e, inoltre, che bisogna mettere le mani sulle pensioni d’oro“. Secondo la Meloni, quindi, non dovrebbero esserci automatismi in questo senso e bisognerebbe consentire alle persone di uscire dal mercato del lavoro a 60 anni con 41 anni di contributi, senza vie di mezzo.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!