Pensioni news 2018, Di Maio: Quota 100 e Quota 41 per tutti, fondi assicurati

Pensioni news 2018: Luigi DI Maio, candidato cinque stelle alla Presidenza del Consiglio, ha annunciato i punti salienti del programma relativi alla previdenza. Una volta al Governo, la Quota 41 per tutti e la Quota 100 sono obiettivi realizzabili secondo il leader pentastellato, così come la staffetta generazionale. Bisogna, però, ha sottolineato, eliminare in modo definitivo la Legge Fornero. Pochi giorni fa, però, la stessa Fornero ha ribadito l’impossibilità di cancellare la sua legge e quanto possa essere pericolosa questa azione per le future generazioni. Ecco tutti i punti del programma nel dettaglio.

->SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SU PENSIONI, QUOTA 41, APE SOCIAL, PRECOCI E OPZIONE DONNA

Pensioni news 2018: Quota 41 per tutti, Quota 100 e staffetta generazionale

Tra i punti più importanti relativi al mondo delle pensioni, ci sono senza dubbio la Quota 41 per tutti e la Quota 100. Secondo Di Maio, anticipare l’uscita per tutti può essere possibile, in quanto i fondi ci sarebbero e le misure potrebbero quindi essere applicate nel breve termine. La Quota 100, ad esempio, aiuterebbe a superare anche la Legge Fornero. Necessaria anche la cosiddetta staffetta generazionale: “Uno strumento di riduzione dell’orario del lavoratore vicino alla pensione a fronte dell’assunzione di giovani, al fine di favorire l’occupazione giovanile e accompagnare i lavoratori anziani verso la pensione, garantendo un passaggio di conoscenze ed esperienze tra generazioni“.

Pensioni news 2018: estensione delle tutele previdenziali ed esigenze dei precoci

Nel programma del Movimento Cinque Stelle rientrano quindi molti punti relativi alle tutele previdenziali e ai lavoratori precoci: “Il Movimento Cinque Stelle aumenterà la libertà dei lavoratori di decidere, entro certe soglie limiti, il livello di contribuzione e l’età anagrafica di uscita dal lavoro, consentendo loro di bilanciare esigenze differenti. Estenderemo le tutele previdenziali dei cosiddetti lavori usuranti a categorie professionali oggi non incluse e terremo conto delle esigenze dei lavoratori precoci“.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Rispondi