Torino, titolare rifiuta di assumere commessa: “Non affido il negozio a chi sta con un africano”

Un altro episodio che sembra affondare le sue radici nel razzismo. Chiara, una ragazza di 18 anni della provincia di Vercelli, si era candidata a un’offerta di lavoro presso un negozio di Torino. Sembrava la solita prassi: colloquio e assunzione, ma non è andata così. Nonostante avesse tutte le caratteristiche richieste, la giovane si è vista rifiutare la candidatura. Il motivo? La sua relazione con un ragazzo africano. Chiara ha così deciso di pubblicare la conversazione avuta via messenger con il titolare del negozio e dallo scambio di messaggi sembrano non esserci dubbi sul movente.

Per me puoi uscire anche con il mostro di Firenze, ma permettimi di non affidare la cassa di un negozio a chi divide la sua vita con un africano“. Questo il messaggio conclusivo del titolare, senza mezzi termini. La colpa di Chiara è infatti quella di avere una relazione con un ragazzo di colore. Subito dopo la pubblicazione dello scambio di messaggi sul social network, è montata la polemica nei confronti del datore di lavoro. Tutto è cominciato con un annuncio su una pagina Facebook dedicata alle offerte di lavoro. Il negoziante ha quindi chiesto alla ragazza di inviare il curriculum tramite e-mail.

Da quel momento, però, sono cominciati gli scambi di messaggi tra i due, messaggi che Chiara ha deciso di condividere su Facebook. Il titolare, infatti, è andato subito al dunque, puntando il dito sull’immagine profilo della ragazza che la ritraeva assieme al suo compagno: “Ho guardato bene il tuo profilo. Non credo che tu sia la persona che sto cercando, mi spiace. Se ti posso dare un piccolo consiglio, cambia le foto del profilo, e non evidenziare il tuo rapporto, non so se mi spiego“.

© Tutti i diritti riservati. È vietata ogni forma di riproduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!